Cassaforte, perché è meglio certificata?

Quando si sceglie la propria cassaforte è sempre meglio optare per un mezzo forte certificato.

Ma quali sono i motivi che portano un esperto del settore a prediligere questa scelta?

Il primo fatto da chiarire è che una cassaforte, per essere certificata, deve risultare conforme alla normativa europea UNI EN 1143-1 che definisce i criteri di prova per la valutazione della resistenza all’effrazione.

Una volta realizzata, la cassaforte verrà classificata in gradi di resistenza generalmente compresi tra lo 0 e il V.

La certificazione, e questo è importante da sottolineare, viene realizzata da un Ente Certificatore sopra le parti che opererà in un laboratorio accreditato.

Quindi, per rispondere alla domanda posta nel titolo, perché è meglio scegliere una cassaforte certificata?

Anzitutto perché si ha la certezza di acquistare un prodotto di qualità e rispondente alle caratteristiche di sicurezza dichiarate dal produttore a seconda dei vari gradi. Tali casseforti sono inoltre prodotte da aziende certificate che si impegnano a mantenere sempre costanti gli alti livelli di produzione, eseguendo periodici controlli.

Inoltre, per chi stipula contratti di assicurazione furto con enti assicurativi, la presenza di una cassaforte certificata permetterà di ottenere un deprezzamento del premio assicurativo.

Appare evidente che un ente assicurativo si sentirà maggiormente incentivato ad abbassare il premio verso chi è in possesso di un mezzo forte sicuro e difficilmente scassinabile.

In caso di manutenzione è molto importante utilizzare solamente ricambi originali, contrariamente la certificazione potrebbe decadere.

Conforti offre un’ampia gamma di casseforti certificate, scoprite la sua offerta.