Una panoramica sulle batterie da trazione 

Le batterie da trazione, progettate per i servizi che vengono attivati da motori elettrici e non dall’accensione del motore, sono realizzate con piastre di spessore maggiorato che garantiscono migliori prestazioni ed una prolungata durata nel tempo, unita ad una buona resistenza nei riguardi delle sollecitazioni meccaniche alle quali sono soggette a causa delle normali applicazioni. Priorità assoluta nel settore delle batteria trazione è la ciclicità che tali batterie devono sopportare,una lenta autoscarica,una tensione costante e l’assoluta assenza di manutenzione e possibilità di lavorare in qualsiasi posizione. 
 
Le batterie da trazione trovano applicazione in svariati ambiti: fra i più noti, le batterie elettriche per carrelli elevatori, muletti, sollevatori, transpallet, piattaforme elevatrici, macchine per le pulizie, piccoli veicoli elettrici, ecc.

Le batterie da trazione sono caratterizzate da diverse dimensioni e capacità.

Le dimensioni e la capacità appropriate dipendono da vari fattori, ad esempio il tipo di lavoro (pesante o leggero, conduzione o elevazione, ecc.), oppure l’ambiente in cui il carrello si trova ad operare (temperatura ambientale, condizioni e pulizia della pavimentazione, ecc.).  
 
A seconda delle circostanze può essere necessario un tipo specifico di batteria anziché un altro per poter ottenere il massimo rendimento. Le caratteristiche dimensionali delle batterie da trazione riguardano conformazione e dimensioni del cassone di contenimento degli elementi che nella maggior parte dei casi è parte integrante della carrozzeria del carrello. Il peso delle batterie da trazione è molto importante ai fini dell’equilibrio statico del carrello. 
 
Il peso, infatti, non deve essere inferiore ad un dato valore poiché, se fosse, porterebbe all’ingovernabilità del carrello, mentre un peso eccessivo comporterebbe la diminuzione dell’autonomia della batteria. Nell’effettuare la scelta delle batterie da trazione è opportuno tenere in considerazione il tipo di lavoro che il carrello dovrà effettuare (lunghi o brevi percorsi con il carico, frequenti sollevamenti, altezza di sollevamento, carico sempre al limite della portata) e l’ambiente in cui il carrello deve operare (pavimentazioni in buone o cattive condizioni, ambiente più o meno polveroso, spazi angusti).